Marco Salvatore Prestashop 1.7 – L’architettura attuale

Marco Salvatore, Tech Evangelist di Prestashop, ci ha parlato durante l’evento Coffeecommerce 2019, di come è strutturato un e-commerce, partendo in particolare da cosa è Pretashop, come viene utilizzato e la sua struttura, dandoci qualche informazione “tecnica” in più per non entrare “in confusione”.

Vediamo insieme le tappe fondamentali.

Prestashop: la struttura

Come la maggior parte delle applicazioni web, abbiamo la parte di back office più la parte di front office, seguita poi da una parte di back end e di front end.

Front end: è la parte vista dai nostri utenti, la “faccia” del nostro sito.

Back end: tutto quello che “avviene” dietro.

Tra gli elementi presenti in Prestashop abbiamo:

  • Database: dove sono memorizzati tutti i nostri dati (e a questo proposito attenzione! Ricordiamoci sempre di fare il backup dei dati, perdere le info contenute nel database equivale a perdere tutto!).

  • Core Business: è il cuore del sistema.

  • Moduli

  • API: permettono di collegarci al Core tramite chiamate esterne o servizi terzi.

Andiamo ad analizzare ora nello specifico questi quattro elementi principali contenuti in Prestashop.

Core Business, formato da:

  • Legacy Code

  • Adapter Code

  • Core Code

  • Symfony Code

Prestashop nelle prime versioni aveva un framework proprietario, mentre adesso sta passando ad un nuovo framawork che è PHP Symfony, molto più stabile, dunque la parte di Legacy Code è necessaria per questa migrazione.

  • I Controllers:

    FO controller

    BO controller, che si occupano di mettere in relazione la parte di visualizzazione con ciò che “avviene dietro”.

  • I Temi:

    Temi BO

    Temi FO

  • I Moduli:

    hanno un approccio “plug-in”, possono influenzare pesantemente il sistema, attuando modifiche profonde e si basano principalmente su un sistema di “Hooks”. In Prestashop abbiamo due tipologie di Hook: Display Hook e Action Hook, che ci permettono di inserire porzioni di testo in una parte precisa del nostro Front Office.

  • Un modulo ha anche la possibilità di creare delle “landing pages”, creare cioè delle nuove pagine.

I moduli si presentano anche come metodo di pagamento:

ogni modulo è un sistema di pagamento a sé che può essere disattivato nel caso in cui non funzioni.

La 1.7 è una versione di Prestashop stabile al momento. Molto lavoro è stato fatto e ancora c’è da fare, perché come ci spiega Marco, la piattaforma si trova in un momento di transizione al nuovo framework.

Il consiglio dell’esperto Marco Salvatore

Necessario è innanzitutto nel momento in cui si fanno delle variazioni più complesse, affidarsi a una persona competente, agenzie o sviluppatori del settore, perché “inesperti” possono creare problematiche serie.

Perché scegliere Prestashop?

Si tratta di una piattaforma complessa, ma studiata a 360 gradi per la creazione di un e-commerce. Tutto dipende dal business che si vuole intraprendere ci dice Marco Salvatore: Prestashop è una piattaforma opensource e gratuita tra le più attive d’Europa, multilingue, dunque permette di espandersi anche a mercati internazionali senza bisogno di traduzioni o quant’altro e con una community operante in tutta Europa. Sicuramente l’ideale per chi vuole aprire un e-commerce a tutto tondo.

Non dimenticare di continuare a seguirci sul nostro blog di Coffeecommerce, dove potrai trovare tutti i video degli interventi dei nostri speaker.

Staytuned!